gm drum school

Massimo Russo e paul Hose alla GM Drum School Lazio

Massimo Russo e paul Hose alla GM Drum School Lazio

Un pomeriggio veramente indimenticabile quello trascorso ieri, 11 Giugno, in compagnia di due grandi professionisti della batteria Mr. Massimo Russo (Wizdom Academy – Vibo Valentia) e Mr. Paul Hose (Trinity College – Nottingham) accompagnato dal chitarrista Mr. Jackson Alan Citizen.

Grazie alla coinvolgente presenza dei maestri, gli allievi ed i genitori hanno avuto modo di divertirsi imparando concetti musicali fondamentali in un clima allegro e dinamico che ha messo alla prova i più piccoli come i più grandi, musicisti e non.

Massimo e Paul hanno tenuto due Clinic separate di un’ora ciascuno in cui hanno dato dimostrazione di bravura e professionalità incantando tutti con la loro preparazione, con la loro musica e la loro simpatia.

Anche questa volta la partecipazione degli allievi e degli amici della GM Lazio non si è fatta attendere. Una sala piena di persone a confronto, dove ciascuno ha dato il proprio apporto e supporto, in compagnia di professionisti nazionali ed internazionali di altissimo livello con cui la GM Drum School vanta solide collaborazioni.

Non ci stancheremo mai di dire che questi eventi sono resi possibili solo grazie all’impegno costante del Maestro Cristiano Coraggio e del Network GM che ci supporta in tutte le nostre iniziative.

Non ci resta, a questo punto, che fare un enorme ringraziamento ai Maestri Massimo Russo e Paul Hose; in particolare Massimo (con cui abbiamo già avuto modo di collaborare in passato durante il Tour nelle sedi GM Italy del Maestro Dom Famularo)  un vero professionista, musicista ed amico che cerca, come noi della GM, di portare avanti la cultura musicale in Italia.

E come sempre un grazie infinito va a tutti gli allievi, ai genitori ed agli amici che rispondono sempre con grande entusiasmo a tutte le nostre attività ed iniziative.

Ci dispiace per chi non c’era……..!
Alla prossima Clinic!
-Staff GM Lazio-

In esclusiva a livello italiano e Europeo, GM Drum School organizza per il secondo anno consecutivo un campus musicale unico nel suo genere: il Campus “Kosa”.

Fondato e diretto dal noto Percussionista e Batterista Italo-Canadese Mr. Aldo Mazza, didatta con un curriculum spettacolare http://www.aldomazza.com/aldobio.html  KOSA è più di una semplice scuola di batteria e percussioni. Durante i suoi quindici anni di attività, centinaia di artisti di levatura internazionale e alcuni tra i più grandi didatti a livello planetario hanno calcato il “palco” di Kosa in Canada, America, Cina, Cuba e in molti altri luoghi.

ORA E’ DI NUOVO IN ITALIA.

KOSA Italy si svolgerà presso la sede centrale GM Drum School a Torino nell’arco di tre giorni: 21, 22 e 23 aprile 2012.

I primi due giorni vedranno la partecipazione dello stesso Mr Mazza, di Mr Sergio Bellotti (Docente del Berklee Music College of Boston) e dei due ospiti in collegamento da New York e Los Angeles in una lezione online su maxi schermo nell’apposita sala multimediale, ovvero di Mr John Riley (Docente della Manhattan School of Music che vanta anche collaborazioni con personaggi del calibro di Miles Davis, Dizzy Gillespie, John Scofield, Stan Getz, ecc). e di Mr Ndugu Chancler (già batterista di Weather Report, Herbie Hancock, Frank Sinatra, Thelonious Monk, Michael Jackson e molti altri).

Il terzo Giorno, lunedì 23 Aprile, è a porte aperte e ingresso gratuito e vedrà come protagonista “Sticks and Skins “SESSIONS” Per tutti i musicisti” un Congresso con Jam Session tenuto da artisti quali Mr Dom Famularo, top insegnante a livello mondiale, Mr Liberty Devitto, storico Batterista di Billy Joel, il Manager Musicale Mr Joe Hibbs e gli avvocati Newyorkesi Mrs Sue e Mr Paul Quin, specialisti nei Diritti dei Musicisti.

“Sticks and Skins “SESSIONS” Per tutti i musicisti”

Una presentazione esauriente ed edificante per aiutare gli artisti ad affinare le proprie capacità imprenditoriali nella ricerca dell’eccellenza per la loro carriera musicale.

Esperti nei settori professionali della Musica spiegheranno come muoversi con efficacia ed efficienza nel Marketing, nello stipulare contratti, nella promozione della propria immagine di artista e nel Diritto dello Spettacolo.

La giornata si concluderà con una Jam Session degli Artisti e dei Partecipanti al Campus Kosa.  Resident Musicians che supporteranno gli artisti alla Jam: Stefania Garione: Vocals, Angy Zoggia: Guitar, Voice, Fufo Serra: Bass.

Al termine dei tre giorni verrà rilasciato un attestato Kosa, riconosciuto a livello internazionale.

Posti limitati e a esaurimento. Inutile dire che è meglio prenotare in anticipo.

Si ringrazia Mr Alex Bianchi di Turin Marathon per il supporto nella realizzazione dell’evento.

Per informazioni e iscrizioni:
Enrico: +39 393 2278692
enrico@gmdrumschool.com

Per Info ufficio stampa:
Franca: +39 347 7171743
francie@gmdrumschool.com

RISORSE E FILES

Link a questo articolo

https://www.gmdrumschool.com/2012/kosa-italy-un-evento-senza-precedenti-torino-21-22-23-aprile-2012/


Link al manifesto ad alta risoluzione:

https://www.gmdrumschool.com/kosaitalyflierhighres.jpg

Foto di Mr Mazza ad alta risoluzione
https://www.gmdrumschool.com/aldomazza.jpg 

https://www.gmdrumschool.com/kosaitalyflierhighres.jpg

Link al modulo di prenotazione:
https://www.gmdrumschool.com/2012/modulo-di-iscrizione-kosa-2012-kosa-2012-enrollment-form/ 

 
 

Ancora una volta mr Bellotti, docente del Berklee Music College of Boston, ha dispensato la sua sapienza sul componente più intrigante del ritmo al popolo degli studenti batteristi italiani.

In giro per le Sedi GM Italiane, il maestro ha tenuto la sua nota clinic introduttiva e continuato l’Advanced Groove Course, il corso più completo a livello didattico sull’argomento, frutto di anni di ricerca nel noto college americano e in molte altre location mondiali da parte del noto didatta Italo Americano.

Essendo giunto al 4° appuntamento, alcuni iscritti al corso hanno completato gli argomenti del corso e hanno ricevuto il diploma dell’Advanced Groove Course.

Ecco alcune Testimonianze:

“IL GROOVE COURSE MI HA APERTO GLI OCCHI DELLA MENTE. HO CAPITO CHE MUSICA PUO’ ESSERE ARTE MA ANCHE UNA FILOSOFIA CHE PORTA AVANTI UN PENSIERO LOGICO CHE DA’ CONFORTO E ACCENDE LA PASSIONE IN CHI SUONA E LA TRASMETTE A CHI ASCOLTA” 

” MR BELLOTTI MI HA DATO PIU’ IN UN’ORA DI LEZIONE CHE DUE ANNI A INCASINARMI GUARDANDO VERSIONI CONTRASTANTI SU YOUTUBE. LE COSE VERE SONO SEMPLICI, GRAZIE MR BELLOTTI, GRAZIE ANCORA” 

“..SE NON HAI FATTO IL GROOVE COURSE NON SAI COS’E’ IL GROOVE, PUNTO. PUOI SUONICCHIARLO, AVERNE UNA VAGA IDEA, MA SAI SEMPRE DI AVERE UN PICCOLO SCHELETRO NELL’ARMADIO…” 

“…PRIMA NON AVEVO CAPITO PROPRIO NIENTE, MA PROPRIO NIENTE, EPPURE ERA COSI’ SEMPLICE DETTO DAL MAESTRO BELLOTTI…” 

Inutile dire che il corso è e continua ad essere un successo.

Un applauso al maestro Bellotti, lo aspettiamo in Aprile insieme a Mr Aldo Mazza, Mr Dom Famularo, Mr Tom Quinn e Mr Liberty Devitto, Mr John Riley, Mr Ndugu Chancler per un fantastico KOSA ITALY…..

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

“Ma sei parente di Joe Morello?” Questa la domanda che il Presidente di GM Drum School, il didatta e batterista torinese Gigi Morello si è sentito ripetere nell’arco dei quasi 30 anni della sua carriera musicale e didattica sin dal sul primo maestro, Giorgio Gandino, quando Gigi aveva solo 16 anni. “Purtroppo no!” la risposta di Gigi, una risposta che lo ha portato ad apprezzare e stimare l’illustre omonimo, fuoriclasse della batteria internazionale.

Joe Morello, noto didatta della batteria internazionale e batterista storico di Dave Brubeck (con il quale ha registrato brani immortali della storia del Jazz quali “Take Five”) si spegneva il 12 marzo 2011 a 82 anni lasciando un segno nella storia della musica e ancor più nella storia della didattica della batteria, avendo creato diversi metodi didattici ancora oggi una pietra miliare per l’apprendimento dell’arte di questo strumento.

Mesi prima della scomparsa di Joe, Gigi aveva cercato di intercedere presso gli amici Didatti di Livello internazionale Sergio Bellotti e Dom Famularo per potere avere un piccolo posticino nella densa agenda didattica di Joe Morello e potere studiare con lui in America, anche solamente per andare da lui e dirgli “sono fiero di avere il tuo stesso cognome”. Il Maestro insegnava solamente a persone selezionate, con una lunga lista d’attesa.
La risposta di Dom Famularo, massimo esponente della didattica a livello internazionale e amico personale di Joe Morello è stata: “Joe non sta molto bene, per il momento non sta insegnando.”

Dopo alcuni mesi la triste notizia.

Da qui è nata l’idea di un tributo al grande Musicista scomparso, un evento ad ingresso libero dove alcuni dei migliori batteristi Italiani potessero esibirsi in un concerto unico, per dare un tributo ad un grande musicista Italo Americano.
Mesi di lavoro per trovare il luogo, una location degna di un tributo di alto livello per una persona di alto livello, l’invito di musicisti sensibili da tutta Italia che condividessero il rispetto per questo grande musicista, la ricerca di sponsor che finanziassero le logistiche in modo che questo tributo fosse completamente gratuito, senza interessi lucrativi di alcun genere.

Poi la pubblicità il 2000 manifesti, la pubblicità su internet, i comunicati stampa, il coinvolgimento personale di personalità del campo delle Istituzioni, della cultura, dello spettacolo, perché questo tributo avesse la risonanza di un grande ultimo saluto ed un ringraziamento per quello che questo grande uomo ci ha lasciato.

L’EVENTO

L’evento si svolgerà Domenica 29 Maggio 2011, dalle ore 10 alle ore 23, presso la splendida Basilica di Superga di Torino, sede delle tombe dei Reali D’Italia.

L’evento vedrà la partecipazione di alcuni dei migliori musicisti e didatti Italiani e verrà presentato oltre che da Gigi Morello, ideatore della manifestazione, dal didatta internazionale Sergio Bellotti, italo-americano e docente presso il Berklee Music College of Boston e da una Madrina d’eccezione, la nota presentatrice di Sky Barbara Castellani coaudivata da Mirella Rocca, personaggio di spicco della Movida Torinese.

All’evento oltre alla partecipazione fisica di moltissime Celebrità di ogni campo sarà presente la partecipazione virtuale di Diversi artisti internazionali, in primis Dom Famularo, che per l’occasione ha girato un video inedito per la proiezione in esclusiva all’evento, più diverse altre testimonianze Video e per iscritto, di Artisti Internazionali che non potendo presenziare di persona, hanno inviato il proprio tributo digitale.

L’evento è reso possibile e finanziato dalla sensibilità dimostrata da sponsor quali:

GM DRUM SCHOOL
RVS srl
MAESTRO RISTORANTE CATERING
PARTESA
COPOTECH S.A.S
TRENTA DENARIA OSTARIA PIZZERIA
TRE TAU ENGINEERING
MAGAZZINO MUSICALE DI MERULA
C.S.F. DI VACCARO FRANCESCO
GRUPPO IDEA IMMOBILIARE
RINGOMUSIC
GRUPPO IDEA IMMOBILIARE
VIBE DRUM

SI RINGRAZIANO INOLTRE DI CUORE LE PERSONE CHE PIU’ HANNO CONTIBUITO ALLA RIUSCITA ORGANIZZATIVA DI QUESTO EVENTO, IN PARTICOLARE LO STAFF DELLA GM DRUM SCHOOL CON PARTICOLARE NOTA A ENRICO CAMPO E TONY RICCIARDI

La ditta Vibe Drum inoltre ha creato un Rullante commemorativo dell’evento, Bianco con Meccaniche Dorate, che verrà firmato da tutti gli artisti che parteciperanno all’evento e inviato alla Vedova di Joe, insieme alla somma raccolta per lei da parte delle persone generose che vorranno partecipare.

LISTA DEGLI ARTISTI CHE SI ESIBIRANNO

TONY ARCO
ANDREA BECCARO
LUCIANO BECCIA
CARLO BELLOTTI
SERGIO BELLOTTI
CARLO BERNARDINELLO
ELVIN BETTI
MARCO BRIATORE
CARLO CANNAROZZO
FURIO CHIRICO
CRISTIANO CORAGGIO
IACOPO CORETTI
LEONARDO DE LORENZO
LUCREZIO DE SETA
IGOR DEZUTTO
FRANCESCO DI BATTISTA
GAETANO FASANO
GIANLUCA FUIANO
MAURO GATTO
GIANNI INSALATA
GIULIA LAZZARINO
RICCARDO LOMBARDO
ALESSANDRO LOMBARDO
“MAMAGARI” M. GARIMANNO M. RIVAGLI
CARLOS MAN
GIGI MORELLO
ROLANDO NESTA
MICHELE OSTO
FEDERICO PAULOVICH
GIANPAOLO PETRINI
ALEX PICCIAU
ELISA PILOTTI
FLAVIO PIOVANO
MANUEL PROTA
RAMON ROSSI
ANDREA RUFFATO
ROBERTO RUFFATO
MASSIMO RUSSO
GILSON SILVEIRA
LUCA TUROLLA
MARCO VOLPE

LINK DELL’EVENTO:

MANIFESTO AD ALTA RISOLUZIONE:
http://www.gigimorello.com/joeevent.jpg

MANIFESTO A BASSA RISOLUZIONE
http://www.gigimorello.com/joeeventlow.jpg

PRESENTAZIONE DELL’EVENTO
http://www.gigimorello.com/joe/

COMUNICATO STAMPA ITALIANO

http://www.gigimorello.com/comunicatostampajoe.pdf

COMUNICATO STAMPA IN INGLESE

CONTATTI UTILI

Mail
info@gmdrumschool.com

telefonico (x Urgenze)
3393875567

Mr Dino Verdade, autorità sul Brazilian Style e Direttore di Bateras Beat, nel suo style course alla sede centrale GM Drum School spiega cosa significa “Il Samba” per lui e esegue un brano Latin Jazz – Parte 1. Traduzione di Mr Raphael Saini. Presenta Mr Enrico Campo.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Parte 2 – Ostinato Samba, Samba Funk, Samba Jazz

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

gm-flyer

Dopo avere provato le scarpe per batteristi Fulmine, scarpe magistralmente create a mano sulla misura del proprio piede con la migliore qualità artigiana ad un prezzo non superiore a delle scarpe da ginnastica di buona marca, abbiamo deciso di offrirle ai nostri allievi, amici e semplici simpatizzanti a condizioni speciali avviando una collaborazione con il Prestigioso Marchio.

Infatti nasce il modello signature GM Drum School, con un piccolo loghino impresso a caldo nella parte della caviglia e all’interno della scarpa, costerà 10 euro in meno dei modelli non marchiati.

Dal punti di vista del batterista le Fulmine sono:

– come avere un guanto ai piedi
– danno una risposta immediata a tutto ciò che fai sui pedali
-consentono un perfetto uso della Heel Toe e di altre tecniche dove scarpe tradizionali sarebbero troppo ingombranti sui pedali e con un grip scorretto

Dal punto di vista costruttivo le parole chiave sono:

– sensibilità e grip
– leggerezza
– flessibilità estrema grazie ad una suola resistente, ma resa sottilissima
– forma anatomica con sapienti tagli sulla tomaia a favorire i movimenti compiuti dalle articolazioni del piede
– pellami naturali e morbidissimi, che favoriscono confort e la giusta traspirazione

Come nello stile della Drum School, la scuola non guadagnerà nulla per le scarpe che verranno aquistate, se non il piacere di avere permesso ai vostri piedi di procurarsi una scarpa che oltre ad essere creata con stile  è completamente adatta a voi e alle vostre esigenze, quindi per tutti gli ordini di acquisto vi rimandiamo a www.fulminedrummershoes.it.

turin-marathon-2010

Ieri 6 novembre 2010, presso l’headquarter nazionale GM Drum School si è svolta la riunione organizzativa dell’evento “84 BATTERISTI alla Turin Marathon 2010”.

La maratona che prevede un’affluenza di più di 25000 partecipanti si svolgerà su di un percorso lungo 42 km, e ad ogni 500 metri del percorso un batterista inciterà e spronerà i corridori con ritmi intriganti.

Alla riunione erano presenti l’organizzatore della maratona Alex Bianchi, il Presidente Nazionale della GM Drum School Gigi Morello, il responsabile nazionale della sezione batteria della Lizard Gianluca Fuiano, il rappresentante della AMM National School Simone Franchino e il Presidente del Professional Drum Gianpaolo Petrini.

Dopo che Mr Bianchi ha illustrato il percorso e i punti chiave che rendono la Turin Marathon un evento unico al mondo, come unica al mondo è la partecipazione di 84 batteristi lungo il percorso, si è parlato dell’organizzazione dello stesso.

Il giorno prima, sabato 13 novembre 2010 alle ore 16, in Piazza San Carlo, davanti alle autorità e alle telecamere della Rai e di altre TV i batteristi si esibiranno in una performance d’ensemble, capitananti dai massimi esponenti della didattica percussiva del Piemonte e d’Italia che si esibiranno in una breve performance stilistica. Accompagneranno i batteristi in un un’esibizione percussivo-canora le splendide voci di alcuni studenti dell’Associazione Culturale Art’Es diretti dalla nota insegnante di Canto e Vocal Coach Torinese Ms Federica Gili.

Il giorno seguente, il giorno della Turin Marathon, sempre sotto i riflettori di stampa,TV nazionale e internazionale, i batteristi si distribuiranno lungo il percorso, scandendo il tempo e incitando i 25 mila partecipanti alla maratona.

DA RICORDARE, PER CHI VOLESSE ANCORA PARTECIPARE I BATTERISTI POSSONO ESSERE PIU’ DI 84, QUINDI LA TUA PARTECIPAZIONE E’ ANCORA POSSIBILE, REQUISITO MINIMO: RIUSCIRE A TENERE ALMENO UN RITMO IN 4/4.

APPUNTAMENTO PER LE PROVE DELL’ENSEMBLE DI PIAZZA SAN CARLO: HEADQUARTER NAZIONALE GM DRUM SCHOOL VIA VALPRATO 68, VENERDI’ 12 NOVEMBRE 2010, DALLE ORE 22 ALLE ORE 24. AL TERMINE DELLA RIUNIONE VERRANNO ASSEGNATE LE POSTAZIONI DOVE OGNI BATTERISTA SUONERA’ ALLA TURIN MARATHON

APPUNTAMENTO PER LO SPETTACOLO IN PIAZZA SAN CARLO: SABATO 13 NOVEMBRE ORE 15, DA PORTARE, GRANCASSA HI HAT E RULLANTE E PIATTO E TAPPETINO DA PIAZZARE SOTTO ALLA BATTERIA, NIENTE DI PIU’. LO SPETTACOLO SI SVOLGERA’ ANCHE IN CASO DI MALTEMPO

APPUNTAMENTO PER LA TURIN MARATHON: DOMENICA 14 DICEMBRE NEI POSTI ASSEGNATI AI SINGOLI BATTERISTI, ORE 8 E 30. DA PORTARE, GRANCASSA HI HAT E RULLANTE E PIATTO E TAPPETINO DA PIAZZARE SOTTO ALLA BATTERIA, ABITI SPORTIVI MA CALDI, LA DURATA DELLA PRESENZA NECESSARIA E’ DI CIRCA 4 ORE.

UN NUMERO LIMITATO DI STRUMENTI VERRANNO PRESTATI PREVIA CAUZIONE DAL NAGOZIO DI BATTERIE SPECIALIZZATO “RINGOMUSIC” DI VIA VIVERONE 3, TORINO

Ecco le foto della riunione organizzativa.
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

cena-batteristi
Martedì 8 giugno si sono riuniti alcuni dei più noti didatti dell’area piemontese per una cena sulla base dell’amicizia e della crescita culturale come rappresentanti di una comunità che sta crescendo e che necessità di un grande lavoro da fare insieme, spalla a spalla, a prescindere delle differenze di stile e scuola di pensiero. Tra le scuole rappresentate, oltre alla Drum School, due grandi realtà sul territorio quali la “Ritmica” e la “Lizard”. Non citiamo i singoli insegnanti intervenuti o passati anche brevemente per salutare e dare il proprio appoggio all’iniziativa perché oltre a quelli presenti nella foto, sono talmente tanti che non vorremmo dimenticarci il nome di nessuno e fare una pessima figura…
Tra i temi dell’incontro, subito dopo il cibo e le bevande che non possiamo trascurare come elemento in primissimo piano, si è parlato di Etica Professionale, Programmi didattici, Presenza della batteria nelle istituzioni, Razzismo stilistico  e molto altro che sta a cuore a tutti i batteristi, a prescindere dal loro coinvolgimento personale nel settore.
I tempi sono maturi per una presa di coscienza da parte dei didatti della batteria in Italia, per fare qualcosa di grande bisogna unirsi e creare un cambiamento vero che dia una realtà di quello che è veramente questo strumento. Noi c’eravamo e abbiamo dato inizio a qualcosa che sarebbe già dovuto inziare da tempo. Basta con le lamentele. Ora si agisce per il bene di tutti e per il bene della musica con la M maiuscola.

bellotti-famularo
Video Italiano

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

English Video
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

“…bisognerebbe fare questi movimenti davanti ad un grande specchio…” Questo scriveva il grande Gene Krupa nel suo metodo pubblicato nel 1937.
Alla GM Drum School ci abbiamo riflettuto e abbiamo deciso di mettere in pratica questo consiglio non solo di Gene Krupa, ma dei migliori didatti a livello internazionale. La Dom’s Room è la risposta “Si, hai ragione maestro!” a grandi del passato che hanno detto e ridetto che lo studio della tecnica è una cosa seria.
E’ un omaggio all’insegnante attuale che più a livello mondiale ha focalizzato il suo insegnamento sulle vere basi della tecnica, Mr Dom Famularo, studiando ed insegnando la teoria della tecnica a prescindere dai gusti personali e dalle varie scuole di pensiero, le vere basi della tecnica, come le varie impostazioni tedesca, francese, americana e tutte le loro interpretazioni ed applicazioni differenti hanno delle solide basi che hanno a che fare con movimenti logici ed appropriati a quello che si deve suonare, un approccio molto razionale, di livello filosofico e universitario, mai raggiunto prima d’ora nell’insegnamento di questo fantastico strumento.
Quindi un omaggio ad una persona che più di ogni altro didatta dei nostri tempi ha saputo guardare in avanti con uno sguardo rispettoso al passato, unendo la tradizione, la praticità alla funzionalità della tecnica, al servizio di qualsiasi batterista, qualsiasi sia il genere musicale che desidera suonare.
Domenica 6 giugno 2010, si è svolta l’inaugurazione della “Dom’s Room”, stanza attrezzata allo scopo di creare un ambiente in cui sia solo possibile studiare la tecnica, nient’altro, con un’osservanza assolutamente meticolosa alla perfezione dei movimenti.
Per l’inaugurazione abbiamo avuto l’onore di avere come maestro di cerimonia Mr. Sergio Bellotti del Berklee Music College of Boston,  la controparte alla tecnica, un’autorità sugli stili musicali per sottolineare che la tecnica è solo un modo di trasferire nelle mani quello che hai nel cuore.
Come due materie diverse ma assolutamente complementari, tecnica e stile si intrecciano in un essere e divenire di emozioni e possibilità, uno yin e yang della batteria. La tecnica non è un fine ma un mezzo. Ma senza un mezzo valido è difficile realizzare i propri scopi artistici pienamente.
La stanza offre dei ritrovati semplici ma pensati per offrire un controllo globale ad un batterista che desidera studiare la tecnica con coscienza e precisione, in aggiunta al suo regolare studio del groove e degli stili musicali che più lo ispirano.

1. MULTIPLI SPECCHI E PAD HQ DAVANTI AGLI SPECCHI, GLI SPECCHI GRADUATI PER AVERE DEI PUNTI DI RIFERIMENTO SULLE ALTEZZE


2. PAD PER CASSA HQ CON SISTEMA POWERFEET PER SVILUPPARE CONTROLLO POTENZA E PRECISIONE NEI DUE PIEDI


3. UN SISTEMA DI VIDEOREGISTRAZIONE SU DVD CHE TI CONSENTE DI RIVEDERE LA TUA TECNICA MANI PORTANDOTI IL DVD A CASA, PER POTERTI CORREGGERE VEDENDO I TUOI ERRORI E I MIGLIORAMENTI NEL TEMPO.


4. PAD MANI E PIEDI AI LATI OPPOSTI DELLA STANZA, AFFINCHE’ NON POSSANO ESSERE SCAMBIATI PER UNA MINI BATTERIA DA STUDIO E USATI IMPROPRIAMENTE PER CIMENTARSI IN QUESTIONI STILISTICHE O SEMPLICE CASINO. IN QUESTA STANZA SI STUDIA TECNICA. PUNTO.


5. METODO DI MISURAZIONE TECNICA VIC FIRTH, UN RUDIMENTO E’ DIAMOND SE VIENE FATTO CORRETTAMENTE AD UNA CERTA VELOCITA’. QUALCOSA DI MISURABILE E LIBERO DA QUALSIASI INTERPETAZIONE E GIUSTIFICAZIONE. UN METRO DI PARAGONE EQUO E SENSATO, CHE ADATTA LE VELOCITA’ AGLI STANDARD DEI MIGLIORI BATTERISTI A LIVELLO INTERNAZIONALE, OGNI RUDIMENTO LA SUA DIVERSA VELOCITA’ MASSIMA RELATIVA. NON TUTTI I RUDIMENTI POSSONO ESSERE PORTATI ALLA STESSA VELOCITA’.

Il video di cui sotto vi darà una panoramica di quelle che sono i semplici ritrovati che fanno di questa stanza una struttura unica sicuramente almeno a livello Italiano.
Ringraziamo di cuore Mr Neil Larrivee, responsabile Internazionale della Didattica Vic Firth
Evans & HQ International
Mr. Gianluca Aramini, responsabile Vic Firth Italia
Mr. Erik Denti di Bode SRL, responsabile di Evans e HQ Italia
La Bomap Italia, distributrice di Powerfeet
Mr Sergio Bellotti per il tempo prezioso che ci ha voluto regalare
tutto lo staff, allievi e amici della Drum School per il supporto in questo evento e per la loro dedizione nello studio.
Senza di voi non ci sarebbe niente e non servirebbe fare niente.
Ringraziamo Mr Dom Famularo per averci permesso di dedicare alla sua figura internazionale di didatta una struttura che non sarebbe neanche stata pensata se persone come lui non avessere deciso di dedicare la propria vita all’arte di questo fantastico strumento che continua a regalarci emozioni.
Uniche.
Foto

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

In questo primo video Mr Minetto Parla di come si diventa un batterista di Jazz e spiega alcuni fattori chiave nell’approccio al Jazz, primo fra tutti l’ascolto e la conoscenza della musica jazz dagli inizi, e la pratica sulle strutture degli standard.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

In questo secondo video Mr Minetto Parla dell’interpretazione del piatto swing con esempi relativi all’interpretazione del piatto di alcuni grandi batteristi jazz.
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Ricevi Newsletter

seguici sui social
Archivio