drum school

Massimo Russo e paul Hose alla GM Drum School Lazio

Massimo Russo e paul Hose alla GM Drum School Lazio

Un pomeriggio veramente indimenticabile quello trascorso ieri, 11 Giugno, in compagnia di due grandi professionisti della batteria Mr. Massimo Russo (Wizdom Academy – Vibo Valentia) e Mr. Paul Hose (Trinity College – Nottingham) accompagnato dal chitarrista Mr. Jackson Alan Citizen.

Grazie alla coinvolgente presenza dei maestri, gli allievi ed i genitori hanno avuto modo di divertirsi imparando concetti musicali fondamentali in un clima allegro e dinamico che ha messo alla prova i più piccoli come i più grandi, musicisti e non.

Massimo e Paul hanno tenuto due Clinic separate di un’ora ciascuno in cui hanno dato dimostrazione di bravura e professionalità incantando tutti con la loro preparazione, con la loro musica e la loro simpatia.

Anche questa volta la partecipazione degli allievi e degli amici della GM Lazio non si è fatta attendere. Una sala piena di persone a confronto, dove ciascuno ha dato il proprio apporto e supporto, in compagnia di professionisti nazionali ed internazionali di altissimo livello con cui la GM Drum School vanta solide collaborazioni.

Non ci stancheremo mai di dire che questi eventi sono resi possibili solo grazie all’impegno costante del Maestro Cristiano Coraggio e del Network GM che ci supporta in tutte le nostre iniziative.

Non ci resta, a questo punto, che fare un enorme ringraziamento ai Maestri Massimo Russo e Paul Hose; in particolare Massimo (con cui abbiamo già avuto modo di collaborare in passato durante il Tour nelle sedi GM Italy del Maestro Dom Famularo)  un vero professionista, musicista ed amico che cerca, come noi della GM, di portare avanti la cultura musicale in Italia.

E come sempre un grazie infinito va a tutti gli allievi, ai genitori ed agli amici che rispondono sempre con grande entusiasmo a tutte le nostre attività ed iniziative.

Ci dispiace per chi non c’era……..!
Alla prossima Clinic!
-Staff GM Lazio-

PRINCIPI BASILARI E GENERALI

Noi insegnanti e collaboratori della Drum School crediamo che:

  • La musica e il ritmo in particolare sia un linguaggio basilare universale che unisce tutti i popoli della terra indifferentemente da colore della pelle, razza, fede politica, credo religioso ed estrazione sociale e come tale favorisca a mantenere la pace e l’armonia nel mondo.
  • Noi crediamo che tramite la percussione sia possibile aiutare tutte le persone, includendo persone fisicamente o mentalmente disabili, a comunicare ed esprimere se stessi e quello che hanno nel cuore e nell’anima.
  • Noi crediamo che come sulla terra esistono un’infinità di lingue e dialetti parlati esistano anche miriadi di linguaggi e lingue musicali, quindi stili o generi musicali ognuno degna di rispetto e attenzione e che ogni linguaggio musicale già consolidato o appena in fase di formazione abbia diritto di essere preservato, insegnato e comunicato liberamente sia dall’insegnante che dal musicista.
  • Noi crediamo che un musicista abbia diritto di esprimersi usando il suo linguaggio o dialetto musicale con libertà, adottando stili e frasi musicali che più rappresentano quello che vuole esprimere, e che per questo non debba essere criticato, categorizzato in modo negativo od osteggiato in qualsiasi modo. Noi crediamo che un musicista abbia diritto di interpretare un brano o una frase musicale liberamente secondo la sua conoscenza o linguaggio musicale.
  • Noi crediamo che la musica come l’arte non sia una competizione dove chi arriva secondo perde la gara. Noi crediamo che l’arte non debba essere sottoposta a giudizi del tipo “Giorgio suona meglio di Paolo” ma che l’unico giudizio consentito sia quello personale dell’ascoltatore, che può giudicare se questa o quell’altra musica incontrano più o meno i suoi gusti.
  • Noi crediamo che essendo la musica Comunicazione, debba includere il rispetto dei musicisti verso gli altri musicisti e un comportamento corretto verso gli altri, disapproviamo la diffamazione di altri musicisti e ci limitiamo a pareri strettamente personali e limitati al gusto musicale personale dell’inidividuo senza parlarne male, anche se potrebbero essere di altre scuole di pensiero e realtà socio culturali.
  • Noi crediamo che a un musicista debba essere consentito di ampliare i suoi orizzonti culturali e musicali tramite la comunicazione musicale con altri musicisti, e che debba potere essere informato di nuove tecniche, stili, linguaggi a prescindere da idee stilistiche e senza veti di parte o di fazione musicale, sia motivate da scuole di pensiero musicale fondamentaliste, sia da interessi di lobby di interesse.
  • Noi crediamo che il singolo individuo abbia diritto di professare le proprie idee personali, politiche e/o religiose per mezzo dei testi delle canzoni che compone o interpreta, o nel suo look. Lasciamo al singolo individuo la libertà di esprimere codeste idee che non appoggiamo ne osteggiamo, limitandoci a supportare il lato musicale della composizione.

TECNICA E DIDATTICA

  • Noi crediamo che la tecnica e l’indipendenza siano secondarie alla musica, ma crediamo anche che una tecnica superiore possa permettere ad un musicista una maggiore libertà di espressione.
  • Noi crediamo che velocità e indipendenza ad alto livello non siano indispensabili per fare musica, ma che siano indispensabili in alcuni stili musicali.
  • Noi crediamo che come le persone imparano prima a parlare e poi a leggere e scrivere debbano seguire la stessa sequenza nell’imparare a comprendere una partitura musicale. Noi crediamo che le persone debbano prima comprendere il concetto delle note musicali e poi leggerle e rappresentarle su carta. Noi crediamo sia innaturale insegnare a leggere musica prima ancora di essere in grado di “parlarla”.
  • Noi crediamo che debba essere usato un linguaggio comprensibile nell’insegnamento del solfeggio, e che nomi presi dalla scuola classica quali “minima” o “fusa” o altri debbano essere sostituiti da termini di comprensione semplice e relativa, quali 1/4 , 1/8, 1/16 ecc, dove conoscendo le semplici basi delle operazioni numeriche si può arrivare ad una comprensione relativa e concettuale dei termini e quindi ad un’applicazione pratica.
  • Noi crediamo che la teoria e la tecnica pura debbano essere sempre abbinati e studiati in associazione e con un giusto bilanciamento all’applicazione pratica o stilistica. Noi non crediamo che anni di studio di teoria, rudimenti o di una figurazione ritmica senza un’applicazione pratica servano solo a rendere lo studio pesante e a far perdere la voglia e l’interesse allo studente.
  • Noi crediamo che una valutazione a voti o gradi o un “giusto e sbagliato” sia corretta solo se relativa a specifici argomenti tecnici quali l’esecuzione tecnica, la precisione ritmica, la velocità e altri argomenti misurabili effettivamente ma mai su argomenti soggetti a linguaggio o stile personali.
  • Noi crediamo che un insegnante non debba settorializzare o personalizzare a sua idea o piacimento il modo di suonare di un suo allievo. Crediamo che tecnica e indipendenza o frasi basilari debbano includere combinazioni che includono lo spettro completo delle possibilità ritmiche, lasciando poi all’allievo il compito di usare quelle che più soddisfano le sue esigenze e gusti musicali mentre è in grado di eseguirle tecnicamente tutte.
  • Noi crediamo che quando un insegnante insegna un determinato ritmo o frase musicale specifico debba categorizzarlo come uno stile musicale e non darlo come modello assoluto da fare eseguire all’allievo per considerare che ha imparato a suonare lo strumento. Esempio: fare imparare a tutti gli allievi i propri ritmi favoriti e categorizzarlo come “il modo di imparare lo strumento” non è accettato se non categorizzato come lo stile musicale dell’insegnante o del musicista che utilizza il ritmo o frase musicale. L’insegnante deve rendere possibile all’allievo la creazione di ritmi e frasi musicali personali da parte dell’allievo e solo nello studio degli stili musicali si imparano dei modelli di ritmo e frase musicale, ma devono essere categorizzati in quanto tali.
  • Noi crediamo che un insegnante debba riconoscere apertamente con l’allievo i suoi eventuali errori e che debba delegare ad un altro altro insegnate l’allievo in caso che la sua preparazione tecnica o stilistica di insegnante manchi in un determinato campo necessario alla preparazione dell’allievo, mettendo da parte gli interessi personali.

DIRITTI DEL MUSICISTA E PROGETTI A LIVELLO SOCIO-CULTURALE

  • Noi crediamo che un musicista non debba essere favorito od osteggiato per la sua appartenza, affiliazione o simpatia verso un partito polito, una religione, un’etnia o altro tipo di associazione ad un’entità culturale, imprenditoristica ecc. Noi Disapproviamo enti ed associazioni che favoriscono o osteggiano Musicisti o insegnanti poiché affini alle loro idee o ai loro interessi ed interessi al di fuori di quelle musicali.
  • Noi crediamo che un Musicista debba essere salvaguardato e che gli venga permesso di esercitare la propria passione studiando il suo strumento e che non debba essere limitato da decisioni ingiuste o che i suoi diritti a suonare e ad accrescere la sua preparazione tecnica e musicale vengano violati, quando tutelato dalla legge, in virtù dell’opposizione di un minoranza, anche se l’opposizione è espressa a “voce alta”.
  • Noi crediamo che la batteria sia uno strumento effettivamente musicale comparabile a strumenti quali il pianoforte, la chitarra, il violino, e come tale abbia diritto di essere riconosciuto dalle istituzioni come uno strumento a pieno titolo e riconosciuto ufficialmente dallo stato alla stessa stregua di altri strumenti “ufficialmente insegnabili” quali le percussioni classiche. Noi crediamo che un batterista non debba essere obbligato a studiare uno strumento che ha poco a che fare con la batteria, quale il vibrafono o altri per potere essere riconosciuto come un insegnante o musicista qualificato. Allo stesso modo noi crediamo che un chitarrista elettrico non debba forzatamente imparare a suonare la chitarra classica usando solo specifiche tecniche di dita, sonorità e fraseggio per potere essere considerato un Maestro della chitarra.
  • Noi crediamo che un batterista che studia per anni con impegno questo fantastico strumento abbia diritto ad un riconoscimento morale ed economico paragonabile a quello che ottiene un professionista nel campo delle belle arti quali il cinema, il teatro e la comunicazione in genere.
  • Noi crediamo che l’istruzione musicale debba essere alla portata di tutti e che le persone possano ricevere una sovvenzione o borsa di studio come in tutte le altre attività artistiche, anche se desiderano suonare uno strumento non “ufficialmente riconosciuto” e che possano coltivare la propria istruzione musicale con tutta l’accuratezza e la professionalità e le materie scolastiche e le sovvenzioni che vengono destinate ad altri strumenti “nobili”, e che questo debba includere tutte le sfaccettature dell’insegnamento musicale, quali la tecnica, gli stili musicali, la musica d’insieme, il solfeggio, l’ear training (l’addestramento uditivo), lo studio della sonorità, le teniche di base sulle pubbliche relazioni ed il marketing necessari per inserirsi nel mondo musicale come un vero professionista e qualsiasi altra istruzione possa risultare necessaria.
  • Noi crediamo che ci si debba battere in modo legale e civile per ottenere questi diritti nelle istituzioni, arrivando ad ottenere l’insegnamento di questo strumento nelle scuole di stato, e che lo studio di questo strumento riconosciuto sia equiparato e riconosciuto per diritti e prerogative agli altri strumenti, e che l’istruzione musicale non sia riconosciuta solo se compiuta su stili quali il jazz o la musica classica, ma che includa tutte le sfaccettature della Musica e degli stili musicali.
  • Noi crediamo che qualunque membro dell’associazione abbia diritto di assicurarsi che un altro membro dell’Associazione, incluso il suo insegnante, rispetti questi principi, e abbia il diritto di farglielo notare in caso li violi, e in caso di ripetuta mancanza o mancanza di volontà nel correggersi farne rapporto al Consiglio direttivo perché la persona venga ammonita o negli estremi estromesso dall’associazione.

Presidente e fondatore
Gigi Morello

Vicepresidente
Franco Stella

Segretario
Enrico Campo

Membri:
TUTTI VOI CHE VI RICONOSCETE IN QUESTE PRINCIPI!

mr-sergio-bellotti
sponsor-bellotti
Siamo lietissimi di annunciare un preziosissimo collaboratore della Drum School:
Mr. Sergio Bellotti
(Docente di Batteria al Berklee Music College di Boston, http://www.sergiobellotti.com) ha iniziato a collaborare con la scuola ieri, lunedì 29 Giugno 2009.
Mr Bellotti impartità regolarmente lezioni individuali e terrà seminari presso le sedi della Drum School di Torino.
Mr Bellotti ha trascorso i pochi giorni in Italia ad organizzare un fantastico seminario con un pilastro della Batteria di tutti i tempi, il maestro del groove, Mr. Bernard “Pretty” Purdie, accompagnandolo dal vivo come batterista di sostegno, incastrando alla leggendaria ritmica di Mr Bernard Purdie una ritmica ben pesata ma vellutata, mai in contrasto con Mr Purdie, riuscendo a mettere in risalto e accompagnando il Maestro del groove con sobrietà e precisione sofisticata ma allo stesso tempo con umiltà, cosa che lo ha fatto notare ai numerosi membri della Drum School presenti al seminario, quasi come un attore non protagonista che riceve un oscar a fianco del protagonista.
Allievi ed insegnanti della scuola (io per primo) si sono precipitati per prenotare appena venuti a conoscenza della sua partecipazione all’attività scolastica, ma purtroppo solo pochi fortunati sono riusciti ad accaparrarsi delle lezioni individuali con il grande maestro Italo Americano Presso la Sede Centrale dell Drum School, presso la Rens Music e al Rocklab, in quanto Mr Bellotti è dovuto ritornare a Boston causa la chiusura del semestre scolastico al Berklee Music College di Boston.
Mr Bellotti nelle sue lezioni si è soffermato molto sull’interpretazione del groove e sull’interpretazione del ritmo americana contrapposta a quella italiana. Un grosso risalto sulla musicalità applicata ai generi musicali e un ritorno alle vere solide basi della batteria, il suono, il ritmo, le dinamiche, il corretto linguaggio da usare. Non per niente stiamo parlando di un Maestro di Musica, un didatta a livello internazionale titolare di una cattedra nella più prestigiosa Università Musicale a livello mondiale.
Vi invitiamo a seguire su questo sito o nelle sedi della Drum School i futuri appuntamenti con Mr Bellotti, che ringraziamo ancora per la sua fiducia e per l’onore che ci da con la sua presenza e opera educativa.
Ringraziamo inoltre Marco di Ringomusic per avere organizzato l’unico seminario in Europa di Mr Bernard Purdie e per avere permesso a Mr Bellotti di essere qui a Torino anche se per pochi giorni.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Video “non ufficiale” girato da un amico di Ivan con una macchina fotografica. I video “Ufficiali” stanno venendo composti da un laboratorio di ripresa professionale e vi avvertiremo appena saranno pronti.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

La Drum School in collaborazione con La Casa Musicale Scavino e Il Peocio
è lieta di presentarvi:

MARCO MINNEMANN DRUM CLINIC

GIOVEDI’ 16 ORE 16,30 PRESSO LA CASA MUSICALE SCAVINO,
via Ormea 66 – angolo via Valperga Caluso,
INGRESSO LIBERO

marco-minnemann-manifesto-gigimorello drumschool low-res

gigi-morello-e-marco-minnemann

Inutile dirvi che Marco è uno dei migliori batteristi esistenti a livello mondiale. Non potete assolutamente perdervelo!

Domenica 15 Giugno 2009 presso Il Peocio di Trofarello, si è svolto il saggio della Drum School. Erano presenti più di 200 spettatori e il locale era strapieno.
Si sono esibiti sul palco più di 30 allievi e 6 insegnanti in un clima di amicizia e tanta buona musica.
Gli Allievi, con età 8 agli over 50 anni hanno tutti espresso, in relazione al proprio livello di preparazione tecnica, la loro espressione artistica e le loro preferenze stilistiche interpretando un brano  musicale.
I generi presentati spaziavano dalla Disco, al Funk, al Jazz, al Latin, al Metal, al Rock Classico, alla Fusion.
Si ringraziano sentitamente Tony del Peocio, per averci ospitato, Gli insegnanti della Drum School, tutti gli allievi della Drum School che hanno dato il cuore e l’anima, Enrico Campo per il supporto con la strumentazione, Massimo Cioffi per l’aiuto come tecnico di palco, Lele Bertazzoni per le riprese video, i nostri sponsor Ringo Music, VIBE DRUM, UFIP Cymbals, Aquarian Drum Heads, e tutti i partecipanti all’evento.
[postcasa showcaptions=yes align=center width=560 height=400]http://picasaweb.google.com/data/feed/base/user/gigimorellodrummer/albumid/5347996803023405105?alt=rss&kind=photo&hl=en_US[/postcasa]

Ricevi Newsletter

seguici sui social
Archivio