George Lawrence Stone

IERI 12 MARZO 2011, SI E’ SPENTO IL GRANDE JOE MORELLO

Questo articolo mi riguarda personalmente e ho deciso di scriverlo io (Gigi Morello). Non perché avessi la fortuna di essere parente del grande batterista e didatta, ma per il fatto che negli anni della mia carriera si sono sprecate le volte in cui mi hanno chiesto “ma sei parente di Joe Morello?” La mia risposta “purtroppo no”. Volente e nolente ho dovuto conoscere e apprezzare quello che è uno dei più grandi batteristi e didatti della storia della musica che portava il mio stesso Cognome, informandomi, leggendo su di lui, guardando i suoi video e ultimamente chiedendo ad amici didatti internazionali di interecedere per me e di contattarlo  per potere studiare con lui in America e potere anche solo andare davanti a lui e dirgli “sono Gigi Morello, e sono fiero di portare il tuo cognome” ma purtroppo sono arrivato tardi.

Già più di un mese fà la risposta di Mr Sergio Bellotti che si informava con Mr Dom Famularo (Amico Personale di Joe) sulla questione è stata la seguente (copiaincollata)

“Dom mi ha detto che Joe non sta bene e forse non insegna piu’ ma che chiamava anche lui
Joe…e’ molto anziano ahime
let’s pray

Sergio”

Se ne va all’età di 83 anni probabilmente l’ultimo dei grandi innovatori della batteria, uno dei grandi didatti delle mani, Autore dei Celeberrimi Master Studies I e II, allievo di Billy Gladstone e George Lawrence Stone. Per lui tecniche ed esercizi di Stick Control e Finger Control erano tecniche studiate di prima mano dalla sorgente.

Chi non ricorda i famosissimi brani di Dave Brubeck “Take Five” e “Blue Rondo à la Turk”, quelli hanno reso il Grande Joe noto al pubblico anche “non batteristico”
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Come batterista lo potrete apprezzare in questo splendido solo in 5/4, del 1961

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Ma noi didatti ricorderemo il grande Maestro scomparso anche per la sua proverbiale tecnica delle mani con i suoi “Killer Esercises” dove metteva alla prova l’abilità del controllo delle bacchette anche nei più scafati professionisti

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Ora come diceva la mail di Sergio…

Let’s pray

Ricevi Newsletter

seguici sui social
Archivio