Percstudio

img_3804
img_3796
img_3773
img_3741
Il 14 Novembre si è tenuto a Torino un evento unico nel suo genere! Più di 84 batteristi hanno partecipato alla Turin Marathon come “supporto” agli atleti impegnati nella maratona. L’iniziativa è partita dalla Gm DrumS chool di Torino per poi collaborare con le altre scuole di batteria nazionali, accademie quali Lizard, Accademia di Musica Moderna National School, Percstudio, Professional Drum si sono unite assieme a molti altri batteristi indipendenti per questo grande momento storico! Difatti non è mai successo nella storia che così tanti batteristi fossero riuniti per un evento sportivo, una vera è propria maratona anche per i batteristi che hanno suonato ininterrottamente. Il tutto è stato preceduto il 13 novembre dalla presentazione dei batteristi e delle scuole in Piazza San Carlo. I 5 docenti coordinatori: Gigi Morello, Gianluca Fuiano, Franco Rossi, Luciano Beccia e Gianpaolo Petrini, si sono posizionati al centro di un vero e proprio anfiteatro di batteristi, dopo un breve assolo di ciascuno dei maestri, tutti e batteristi (e la piazza intera), hanno iniziato a suonare e cantare la storica We Will Rock You, una vera e propria scarica di adrenalina! Sono stati contati 102 Batteristi partecipanti alla performance.
Il 14 si è svolto l’evento vero proprio, un batterista è stato posizionato ogni 500 metri del percorso (42 KM e 150 metri) pronto e attivo nel dare groove e tempo ai maratoneti. La risposta del pubblico? Più che positiva, molti atleti si sono complimentati durante la maratona applaudendo e ringraziando i musicisti per l’aiuto, difatti molti maratoneti un po’ provati hanno apprezzato questa scarica di groove che gli ha consentito di recuperare il ritmo. Insomma, è stato un successo in tutto e per tutto e qualcosa ci dice che il prossimo anno saremo di nuovo pronti e scattanti e, chissà, magari correremo anche noi.
Alla Prossima!
Francesco Balzarro
Direttore Ufficio Stampa GM Drum School

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

mr-billy-hart-percstudio
La clinic organizzata dagli amici didatti Mr Giorgio Gandino e Mr Marco Volpe del Percstudio domenica scorsa alle Ginestre è stata a dir poco spettacolare.
Il grande Maestro Americano, oltre ad esibire un padronanza assoluta in numerosi stili musicali ha stupito l’audience per la sua apertura mentale e la sua cultura musicale assolutamente completa, la sua conoscenza di musicisti assolutamente attuali che ingenuamente non ci saremmo aspettati andando a vedere un settantenne che ha fatto la storia del jazz. Parafrasando “Quando nel 1960 suonavo mi venivano in mente riferimenti ritmici e suonavo come i batteristi che accompagnavano i grandi degli anni 60, Quando negli anni 90 ascoltavo delle frasi musicali di altri musicisti che ricordano la musica di Sting mi venivano in mente riferimenti ritmici da suonare e frasi che ho sentito fare da batteristi che suonavano con Sting”. La semplicità e l’innovazione legata alla musicalità, il tutto condito da un un grande umiltà e disponibilità fanno di questo grande musicista una persona da cui c’è un’abisso da imparare.
Un plauso ai Maestri Giorgio Gandino a Marco Volte per averci regalato questo momento di profonda riflessione e di altissimo livello musicale e didattico.
Ecco alcune foto dell’evento.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Gli amici del Percstudio del M° Giorgio Gandino organizzano il 14 marzo un seminario con un batterista che è un pezzo di storia del Jazz, un grande batterista che ha suonato con i più grandi nomi di questo stile musicale, includendo Jimmy Smith, Wes Montgomery, Mc Coy Tyner, Herbie Hancock, Chick Corea, Miles Davis, Gerry Mulligan, Stan Getz, Wayne Shorter, David Liebman, Michael Brecker, Joe Lovano, John Scofield, Hank Jones, Tom Harrell, Joe Zawinul , Quest, Art Farmer e moltissimi altri.
il M° Marco Volpe ha fatto i salti mortali per avere qui a Torino Mr Billy Hart, con cui ha avuto l’onore di studiare personalmente, ed è un seminario da non perdere. Al fondo un breve video di Mr Hart in azione. per informazioni e prenotazioni telefonare allo: 011/597181
seminario-billy-hart-bassa-risoluzione

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Domenica 31 Gennaio 2010 si è svolta presso il Peocio di Trofarello l’evento “Batteristi per Haiti”.

batteristi-per-haiti-locandina
L’evento, ideato da Gigi Morello, fondatore e presidente della GM Drum School, in coordinazione con il Direttore piemontese della croce Rossa Piemontese, dottor Tonino Calvano, ha coinvolto numerosi batteristi e percussionisti in rappresentanza della maggioranza delle realtà didattiche batteristiche piemontesi.

batteristi-x-haiti-e-dot-calvano

L’evento è stato pubblicizzato tramite TV, radio giornali e sul web.

intervista-videogruppo

Presenti oltra alla “GM Drum School“, il “Percstudio” di Giorgio Gandino, “l’Accademia di Musica Moderna” di Furio Chirico, L’Accademia “Lizard” di Gianluca Fuiano, L’Istituto Musicale Baravalle  di Carlo Bellotti, la scuola di Sergio Ponti, la scuola “LA RITMICA” di Gianni Branca la “Suoneria” dove insegnano Rolando Nesta ed Alessia Mattalia.

Durante lo spettacolo numerosissimi esperti delle arti percussive si sono esibiti in performance live di varia natura e genere musicale, Insegnanti ed allievi spalla a spalla, accompagnati da diversi validi musicisti nel dettaglio:
Carlo Bellotti, Gianni Branca, Alberto Borio, Emanuele Boschi, Gianluca Buosi, Alberto Colletti, Marco Cutolle,  Anna Di Leva, Gianluca Fuiano, Simone Franchino, Daniele Garese, Max Gordiani, Stefano Griffone, Riccardo Lombardo, Riccardo Moffa, Gigi Morello, Rolando Nesta, Ruggero Piazza, Fabrizio Piva, Maurizio Plancher, Daniele Rauso, Raphael Saini, Marco Sperindio.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Nell’arco della serata sono stati messi all’asta di beneficenza per Haiti 2 strumenti musicali, un Cahon offerto da Ringomusic di Torino e un Rullante commemorativo dell’evento, bianco con la croce rossa, da Vibe Drum, di Imola. Il noto batterista a livello internazionale Marco minnemann ha offerto diversi suoi CD per la vendita e la vendita di questi è andata in beneficenza.

foto-rullo-croce-rossa-1 vibe drum

Alcuni  batteristi e noti didatti che non hanno potuto presenziare all’evento hanno inviato un saluto che è stato letto sul palco durante l’evento, tra di essi diversi insegnanti del Berklee Music School of Boston sensibilizzati dall’insegnante Sergio Bellotti: Ecco alcuni dei commenti e saluti:

 

My words are empty and meaningless… for having never experienced such a  horrific tragedy…but for those who have… their words speak from the heart..and perhaps the words of a holocaust survivor reflect a resilient spirit… that the people of Haiti will have to draw upon from their reservoir of hope….. ” A home is something you lose….”

The people of Haiti will forever be in my thoughts and prayers…

Ciao,

Jon Hazilla (Brush Master insegnante al Berklee Music College di Boston))

“In addition to helping however you can, pray for the victims in Haiti and others like them all over the World; that we may see more acts of kindness, like when families take in an orphan from such a disaster.”

Mike Mangini (insegnante al Berklee Music College di Boston)

How cool!

What a great move….I’d rather put in some of my CDs for sale and donate the money of that.

Marco Minnemann

Tragedie come quella di Haiti ci fanno riflettere su quanto preziosa sia la vita, l’acqua ed una mano tesa per chi ne ha bisogno.

Con la batteria possiamo farci sentire. Donare soldi e’ molto importante ma lo e’ anche prodigarsi con la propria arte per aiutare alla raccolta di soldi.

Gli artisti potrebbero fare molto di piu’ e tutto l’anno perche’ le catastrofi e i bimbi che muoiono di fame e’ un problema di ogni giorno.

Spero che questa ed altre iniziative abbiano sempre una parte degli incassi per le tante cause da risolvere.

GOD BLESS THE WORLD….non GOD BLESS THE USA come dicono qui negli usa. E come cantava Sting con i Police. ONE WORLD (not 3)

Un abbraccio a tutti da Boston

Sergio Bellotti (insegnante al Berklee Music College di Boston)

“NON SEMPRE E’ POSSIBILE CONDIVIDERE LE EMOZIONI DELLA MUSICA INSIEME, GLI IMPEGNI A VOLTE CI PORTANO LONTANO, MA IL CUORE E’ UNO SOLO ED INDIVISIBILE ED E’ TUTTO PER HAITI

FURIO CHIRICO presidente per il Piemonte della Accademia di Musica Moderna

“Dear friends,Through the ages, the drum has been many things, but, above all, it has been a messenger. At this gathering, let our drumming send a message of hope, compassion and brotherhood, as we try to lend a helping hand to those who have been hit hard by nature’s unpredictable force. And, as we reach out help others, we are helping ourselves also, for maybe we can’t stop bad things from happening, but there is a sense of empowerment that comes from playing a part, even a small one, in making things a little better. Much like practicing improves our drumming, helping those in need makes us better people. And never forget, tomorrow it could be you or me in a horrible situation like the one people of Haiti are facing today. This fact alone should give you every reason to do what you can to help!My best to all of you, and, on this night,  may your drumming be heard all the way to Haiti!”

Marko Djordjevich docente del Drummer’s Collective di New York

“Cerchiamo di non vivere nella cecità,nella sordizia,nell’ignoranza,nell’indifferenza ma cerchiamo di svegliarci per ritrovare un pò di buon senso e di dignità per tutta quella gente e quei bambini rimasti da soli”.

GianPaolo Petrini, fondatore della Scuola “Professional Drum”

Ciao a tutti!

Come forse già sapete, recentemente sono stato sottoposto ad una delicata e importante operazione chirurgica, che fortunatamente si è risolta nel migliore dei modi.

Tuttavia non ho ancora riacquistato al meglio le forze, ed è questo il motivo che mi impedisce di essere oggi qui con voi e partecipare a questo evento voluto e realizzato dall’amico Gigi Morello.

Vi immagino numerosi e carichi di… colpi singoli-doppi e paradiddles!

Adesso fate un applauso a Gigi che ha dimostrato, oltre alla indiscussa bravura come batterista, di avere una sensibilità da vero artista.

Ti abbraccio Gigi… e a voi tutti un caro saluto!

Giorgio Gandino, presidente del Percstudio e uno dei padri della batteria in piemonte

beh di solito non è che sia molto bravo con i discorsi, perciò posso solo dire che ammiro tutte le persone che hanno partecipato a questa manifestazione e che purtroppo anche se non posso essere presente di persona lo sono di sicuro con il cuore!

Chiudo con una citazione;

“La bontà è l’unico investimento che non fallisce mai.”

Henry David Thoreau

Mark Bonfry, batterista emiliano e fondatore del portale per batteristi “Drummershouse.net”

“oggi si dimostra che la musica non solo unisce

gli animi ma è anche in grado di unire le persone per aiutare concretamente chi soffre”.

Alessia Mattalia, insegnante di batteria piemontese

 

Si vuole rendere noto che l’intero personale di Peocio capitanati da Tony Scantamburlo ha devoluto in beneficenza la paga della giornata di lavoro. Si ringrazia inoltre l’aiuto dei volantari della Croce Rossa di Trofarello, coordinati da Roberto Ghio, e l’organizzazione logistica e pubblicitaria dell’evento da parte di Franco Stella ed Enrico Campo e l’aiuto speciale fornito da Marco Sperindio per la raccolta fondi.

L’intero incasso degli ingressi, degli strumenti messi all’asta e delle offerte dei partecipanti è stato devoluto alla Croce Rossa Italiana per aiutare i bimbi vittime del terremoto di haiti.
 

Ricevi Newsletter

seguici sui social
Archivio