Piatti

LA GIGI MORELLO DRUM SCHOOL ALLA UFIP

7:15

Caffè?

All’appello non sembra mancare proprio nessuno. Gigi e Franco ci sono, Pino è già dentro la sala e io sono appena arrivato. Le nostre facce la dicono lunga, è presto, e un caffè alla macchinetta di Emergenza Musica ci fa subito mettere in moto le idee e la macchina. Si parte.

 

8:30

Primo autogrill, secondo caffè.

Durante la prima parte di viaggio non può che regnare un argomento fra tutti: la batteria. In mezzo a quattro batteristi intenti ad ascoltare buona musica l’unica voce stonata sembra essere quella del navigatore. L’idea é chiara a tutti: presentare la realtà della nostra Drum School alla UFIP, icona incontrastata nel campo batteristico. In più noi vogliamo farlo di persona, parlando faccia a faccia con i più grandi fabbricatori di piatti italiani. Le chiacchiere e i chilometri colano via veloci e non c’è il tempo di farsi troppe domande. Il cartello “Benvenuti a Pistoia” ha già risposto a tutti. Siamo arrivati.

 

11:20

Varcare la soglia.

FRANCO STELLA GIGI MORELLO E PINO MONTEVERDE ALLA UFIP

Finalmente entriamo nella fatidica UFIP. Gigi è di casa e ci presenta alle prime persone che incontriamo spiegando che veniamo da lontano ma che a discapito dell’apparenza non siamo i re magi: i pacchi che portiamo sono solo prodotti tipici (dolci e qualche buon vino), regalo per il Presidente della UFIP, il mitico signor Tronci.

 

11:30

Facce di bronzo.

Gigi Morello e Sergio Fanton alla UFIP

Conosciamo Sergio Fanton, Artist Manager della UFIP, che ci porta a fare un giro in produzione. Lui è un personaggio speciale, ha persino lavorato come tecnico personale di Stewart Copeland e Jo Jo Meyer!!!! Ascoltiamo ammirati le sue parole e ci facciamo portare in giro per un tour nel sancta sanctorum della UFIP. Finalmente vediamo come si fanno i piatti! Gigi sa già molte cose, tutti facciamo domande e tocchiamo di tutto. Ogni tanto spunta qualcuno con la faccia e la tuta completamente nera per la fusione del bronzo. Io ho già fatto un centinaio di foto e tutti gli artigiani che incontriamo in produzione sono molto gentili con noi e ci spiegano tutto. Assistiamo alla martellatura (tutta a mano!) e ai vari momenti della rifinitura fino ai piatti finiti che per essere chiamati tali devono superare il difficile esame di tutti tra cui quello di Damiano Tronci.. Sa tutto in fatto di piatti, ci parla dei suoi esperimenti creativi e del suo lavoro e di come un piatto assume un suono a seconda di come viene fuso, tornito, martellato. Rimaniamo a bocca aperta da tanta esperienza.

FUCINA UFIP

MARTELLATURA UFIP

 

 

13:30

Questa è la Drum School.

Le chiacchiere fatte con Sergio a proposito della nostra scuola sono state fruttuose per più motivi. Sergio sembra addirittura stupito di conoscere solo oggi una realtà come la nostra, forse l’unica nella nostra città. Per questo ci scambiamo opinioni e contatti. Siamo contenti, c’è un buon feeling. Le idee volano ma gli stomaci brontolano. Pranziamo insieme?

 

15:00

Il paese dei balocchi.

GIGI MORELLO E LUIGI TRONCI ALLA UFIP

DRUM SCHOOL E TRONCI

Anche a tavola continuiamo la riunione e scherziamo con Sergio e con Elisabetta Tronci, responsabile dell’amministrazione. Ora però ci aspetta l’incontro con il mitico signor Tronci. Molti batteristi tra cui Gigi me l’hanno descritto come un tipo incredibile e appena lo vediamo arrivare ci saluta con il suo sonoro accento toscano e dice che ci deve assolutamente far vedere una cosa. Capisco che avevano ragione. Infatti ci fa subito guardare un video sulla storia della UFIP e ci spiega chi sono i suoi parenti “piattai” man a mano che appaiono sul monitor. Uomini che da decine e decine d’anni sono capaci di forgiare dei piatti dal suono incredibile. La chiacchierata con il signor Tronci prosegue allegra. Apprezza i nostri doni e le idee della nostra Drum School. Poi arriva finalmente il momento di provare i piatti. Benvenuti a “Piattoland”, ragazzi, altro che giostre! E’ il signor Tronci in persona a farci da guida. Dispensa a tutti consigli su suoni e composizioni di piatti che neanche immaginavo. Gigi prova praticamente di tutto. Il Presidente continua a portarci piatti di tutti i tipi e ci spiega come sono fatti. L’umore è alle stelle ma purtroppo comincia a essere tardi.

16:45

“Due Parole con il Boss”

Incontriamo Alberto Biasei, General Manager della UFIP. Con lui pianifichiamo futuri progetti e metodi di rendere il marchio ufip sempre più presente ed ancora più consacrato a livello internazionale. Discutiamo dei nuovi progetti con le istituzioni che abbiamo in ballo e della presenza della scuola in tutto il territorio nazionale. Lasciamo parlare Gigi e “l’ingegnere Pino Monteverde” di Emergenza Musica (per noi prima era solo Pino) e ci facciamo piccoli piccoli guardando in giro l’arredamento dell’ufficio mentre il Boss parla di analisi di vendita e distribuzione a livello internazionale. Gigi mi presenta come insegnante del progetto speciale della scuola dedicato ai bambini, elemento portante della scuola. Se sono arrossito, quando Gigi tesseva le mie lodi e brevemente illustrava il nostro metodo di insegnamento, è solo per il caldo…

 

17:30

“Tornate a trovarci”!

LELE BERTAZZONI GIGI MORELLO E LUIGI TRONCI ALLA UFIP

Così ci apostrofa il Signor Tronci mentre ci saluta. Deve andare alla Fondazione sua omonima, un museo storico di strumenti musicali e della sua famiglia. Ci invita a tornare, a portare tutti gli allievi, per visitare l’officina e magari mangiare qualcosa sui prati. Ci vengono regalati cataloghi, adesivi, felpe, cappellini, piatti e auguri per un buon viaggio di ritorno. A presto.

LUIGI TRONCI INTONA GLI SPLASH

 

19:15

Il ritorno.

E’ già un po’ che stiamo viaggiando verso casa. Siamo tutti e quattro stanchi ma l’euforia non è passata. Nascono molte idee per la Scuola, che presto magari vedrete online, e ricordiamo tutto ciò che abbiamo visto e sentito. Non sono il solo infatti, credo, ad avere ancora addosso le parole, le idee e i progetti delle ore appena trascorse e soprattutto il suono di quei piatti. Caldo, denso, esplosivo e “brillante”. Proprio come questa giornata.

 

Grazie a Luigi Tronci, Damiano Tronci, Elisabetta Tronci, Sergio Fanton, Lorenzo e Peppe,

 

Lele.

 

Ricevi Newsletter

seguici sui social
Archivio